tunnel borbonico

Il Tunnel Borbonico prende il nome dal Re Ferdinando di Borbone, colui che nel 1853, ne ordinò la realizzazione. Il suo scopo? Quello di creare un passaggio segreto che collegasse il Palazzo Reale a Piazza Vittoria, punto strategico in quanto molto vicino al mare e alle caserme. Questo collegamento avrebbe dovuto trarre in salvo la famiglia reale da qualsiasi rischio e pericolo.

La Galleria Borbonica venne terminata nell’arco di tre anni, venne realizzata utilizzando martelli, cunei e picconi. Gli operai si servirono di torce e candele per far luce. Costruire questo passaggio segreto fu una vera e propria impresa.

Il Tunnel Borbonico venne inaugurato il 25 maggio 1855 e restò aperto al popolo per tre giorni. Venne chiuso in via definitiva a causa dell’Unità d’Italia e della decadenza dei Borbone.

Questo luogo tornò ad essere operativo dal 1939 al 1945: i cittadini si rifugiarono qui durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale. Alla fine della guerra, divenne il deposito Giudiziale del Comune di Napoli: qui venne conservato tutto ciò che veniva sequestrato e tutto ciò che veniva rinvenuto da crolli e sfratti. Durante il percorso è, infatti, possibile visionare auto, moto d’epoca e non solo….

Nel 2010 questa attrazione è stata aperta al pubblico e rimane una delle più affascinanti di Napoli.

Ti potrebbero interessare i seguenti tour

Tunnel Borbonico – Come arrivare

Indirizzo: Vico del Grottone, 4 – Parcheggio Morelli 61 C.

In metropolitana: Da Piazza garibaldi prendere la Metro Linea 1 e scendere alla fermata “Municipio”;

In Autobus: da piazza Garibaldi sono diverse le linee che portano a destinazine. Ti consigliamo di visioare il sito dell’ ANM.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *